57 consiglio PRURITO DA LAVATRICE

Prurito “da lavatrice”: perché viene?

Se il “tormento” è intenso e dura da diversi giorni è bene rivolgersi a un medico. Sapendo però che a volte la causa è facile da individuare.

Non avete la pelle secca. Non soffrite di allergie, né alimentari né cutanee. Non siete ansiosi né stressati. Non sudate in modo significativo e, comunque, non più del solito. Non state assumendo farmaci particolari. Non avete alcun motivo per pensare di essere interessati da una micosi o da qualche altra forma di colonizzazione dell’epidermide.

La pelle è perfettamente integra e non ci sono segni sospetti. Eppure. Eppure, ormai da qualche settimana, siete tormentati da un prurito diffuso, non insopportabile, ma decisamente fastidioso.

Cercate di non cedere alla tentazione di sfregare, ma di tanto in tanto capitolate e al sollievo istantaneo seguono infiammazione, arrossamento e ipersensibilizzazione. E ulteriore prurito. Da che cosa può dipendere?

Tipo di detersivo e modalità di lavaggio

Dal momento che un prurito generalizzato, persistente e privo di causa evidente può talvolta essere l’espressione di una malattia non dermatologica da affrontare in modo specifico, in occasione di manifestazioni di questo tipo è sempre bene consultare il medico ed effettuare qualche accertamento mirato.

Esclusa ogni possibile causa organica (cosa che avviene nella maggior parte dei casi), la ricerca del fattore scatenante deve spostarsi sull’analisi dell’ambiente e delle abitudini di vita.

Un motivo banale e molto frequente di prurito apparentemente ingiustificato viene dal bucato e può dipendere sia dal tipo di detersivo usato, sia da un risciacquo inadeguato.

La prima cosa da verificare, quindi, è se chi si occupa del lavaggio di indumenti e biancheria per la casa (asciugamani, lenzuola ecc.) abbia recentemente cambiato la marca del detergente utilizzato o la procedura di lavaggio, oppure se abbia iniziato ad aggiungere candeggina o altri composti sbiancanti per ottenere risultati migliori sulle fibre chiare o abbia provato nuovi ammorbidenti.

Se così fosse, il prurito potrebbe derivare molto semplicemente da un’intolleranza individuale specifica, magari non particolarmente marcata, a uno o più componenti del nuovo prodotto.

Viceversa, se si è certi che nessun cambiamento è avvenuto a questo livello, si deve verificare l’accuratezza del risciacquo. Ancorché sviluppati e testati per essere il più sicuri possibile, i detersivi per biancheria, come tutti i prodotti che devono garantire una buona azione detergente, sono irritanti per la pelle perché alterano il microfilm idrolipidico superficiale protettivo e possono indurre reazioni infiammatorie o pseudo-allergiche.

La loro persistenza, anche in tracce, tra le fibre degli indumenti o di altri tessuti che entrano in diretto contatto con l’epidermide e/o che vi rimangono per diverse ore (come le lenzuola) è, quindi, una frequente causa di sensibilizzazioni, arrossamenti e prurito.

Le verifiche da effettuare e le soluzioni

Per capire se il problema può dipendere da questa ragione basta controllare con attenzione se sui tessuti appena lavati e asciugati sono presenti aloni biancastri e/o vagamente “polverosi” (anche se si usa un detersivo liquido), magari appena accennati, esaminando bene tra le pieghe e a livello delle cuciture.

Che si trovino o meno segni di questo tipo, è bene controllare anche il cestello della lavatrice subito dopo il ciclo di lavaggio: se c’è ancora qualche bollicina o addensamento di schiuma qua e là, probabilmente, il risciacquo non è stato soddisfacente ed è meglio ripeterlo.

Com’è possibile che da un momento all’altro il solito risciacquo non sia più sufficiente?

L’inconveniente può dipendere da un problema della lavatrice (per esempio, lo scarico parzialmente intasato o un ricambio d’acqua inefficiente a causa di dispositivi usurati) oppure, più semplicemente, da minimi cambiamenti di abitudini di cui neppure ci si accorge, come l’uso di quantità di detersivo un po’ maggiori del solito o l’inserimento di quantità eccessive di bucato nel cestello che non permette un’adeguata penetrazione dell’acqua tra le fibre e una completa rimozione del detergente.

Una volta appurata la causa, il rimedio contro questa forma di prurito è implicito: prevenire il contatto con la sostanza sensibilizzante (i residui di detersivo) migliorando lavaggio e risciacquo.

Rosanna Feroldi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

immagine
twitter_2_