43 articolo VITAMINE

Articolo

Vitamine: quali servono alla mamma

In gravidanza non serve mangiare più del solito, ma è necessario mangiare meglio per nutrire il bambino in modo sano e riuscire a rifornirlo di tutti i microelementi indispensabili.

Spesso si sente dire che in gravidanza si debba mangiare per due. Niente di più sbagliato. L’energia richiesta dal bambino in crescita è infatti modesta (300-400 Kcal in più al giorno) e tutti i carboidrati, i grassi e le proteine non immediatamente necessari si traducono in un inutile incremento di peso, sfavorevole per mamma e feto.

È, invece, importante mangiare meglio per nutrire il bambino in modo sano fin dal concepimento e riuscire a rifornirlo di tutti i microelementi indispensabili per sostenerne il metabolismo.

Quali sono? Non molti, ma preziosissimi: acido folico (vitamina B9) innanzitutto; ma anche la vitamina B12, soprattutto se la mamma è vegetariana; la vitamina C, insieme al ferro, in caso di deficit o tendenza all’anemia; la vitamina D, insieme al calcio, per le ossa del bambino.

Acido folico: per tutti, sempre

L’acido folico, o vitamina B9, è un micronutriente di primaria importanza durante tutto il corso della gravidanza e l’allattamento per il benessere sia del bambino sia della mamma.

Un suo corretto apporto è indispensabile per prevenire difetti del tubo neurale (in particolare, la “spina bifida”) e malformazioni cardiovascolari congenite nel feto e per ridurre il rischio di complicanze che possono interessare la donna nel periodo gestazionale, come la preeclampsia (ipertensione gravidica).

La supplementazione con alimenti arricchiti o preparati mirati dovrebbe iniziare fin dal concepimento (o addirittura prima, se la gravidanza è pianificata) nella misura di 400 mcg al giorno e proseguire durante l’allattamento con 350 mcg al giorno.

Stante i benefici dell’acido folico in gravidanza ampiamente documentati da decenni d’uso clinico e la sua comprovata innocuità, in alcuni Paesi (Stati Uniti, Ontario, Nuova Scozia e Cile) si è pensato di fortificare alcuni cibi di maggior consumo con questa vitamina per assicurare a tutta la popolazione un apporto costante ottimale.

In Italia, il ministero della Salute raccomanda a tutte le donne in età fertile che non escludano la possibilità di avere un figlio di assumere regolarmente un’integrazione con almeno 400 mcg di acido folico al giorno.

Ferro e vitamina C, se mancano

Altra integrazione utile in gravidanza riguarda il ferro, importante per prevenire o correggere condizioni di anemia nella mamma e ridurre il rischio di basso peso alla nascita del bambino.

Le linee guida suggeriscono di assestarne l’apporto quotidiano, fin dal concepimento, sui 30 mg al giorno (metà dei quali derivanti dagli alimenti), integrando contemporaneamente anche vitamina C e acido citrico, per favorirne l’assimilazione intestinale.

Dal momento che l’aumentata concentrazione di ferro nel sangue può ridurre la capacità dell’organismo di utilizzare zinco e rame, generalmente gli integratori studiati per la gravidanza prevedono l’associazione di tutti e tre questi elementi.

Alla supplementazione specifica si deve però ricorrere soltanto in caso di carenza di ferro accertata, quindi su indicazione medica e dopo aver aumentato leggermente il consumo di carne rossa, fonte primaria di ferro prontamente utilizzabile.

In proposito, va ricordato che i cibi ricchi di ferro non vanno associati, nello stesso pasto, con troppe fibre vegetali o crusca (che ne ostacolano l’assorbimento) e che gli spinaci non rappresentano una fonte adeguata poiché il ferro in essi contenuto è assimilato soltanto in minima parte dall’intestino.

Vitamina B12, talvolta

Per permettere il corretto sviluppo generale e neurologico del bambino è indispensabile che la mamma soddisfi anche il proprio fabbisogno quotidiano di vitamina B12 (cobalamina), che in gravidanza tende ad aumentare.

A richiedere una supplementazione specifica, con integratori o alimenti arricchiti (per esempio, cereali per la colazione) sono soprattutto le donne che seguono un’alimentazione povera di alimenti di origine animale (vegetariane strette).

Calcio e vitamina D più spesso

Per le esigenze della mamma non sarebbe strettamente indispensabile incrementare l’apporto di calcio, poiché l’accresciuto fabbisogno dovuto alla presenza del feto è soddisfatto dal più efficiente assorbimento intestinale che si verifica durante la gravidanza.

Un’integrazione di questo minerale, abbinato alla vitamina D, è però consigliata per sostenere la crescita delle ossa del bambino e permettergli di costruire uno scheletro sano e resistente.

Calcio e vitamina D devono essere sempre assunti insieme: non soltanto perché la vitamina D è essenziale per permettere al calcio che arriva nell’intestino di essere assorbito, ma anche per assicurarne il corretto metabolismo e il suo inserimento nel tessuto osseo.

È inoltre dimostrato che un adeguato apporto di vitamina D è vantaggioso per la salute della mamma su molti fronti, a partire dalla protezione cardiovascolare, dalla riduzione del rischio di diabete e di sviluppare diversi tipi di tumore.

L’integrazione di questi due elementi è importante soprattutto nelle donne che per vegetarianismo stretto, allergie o intolleranze alimentari non assumono quantità adeguate di prodotti lattiero-caseari e in chi si espone poco al sole.

Ma anche chi segue un’alimentazione varia e bilanciata dovrebbe valutare con il proprio medico l’opportunità di una supplementazione mirata poiché gli studi epidemiologici condotti negli ultimi anni hanno segnalato che stati di deficit parziale di vitamina D e calcio sono molto più diffusi di quanto non si potrebbe pensare, anche nella popolazione generale.

Rosanna Feroldi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

immagine
twitter_2_