31 consiglio Guaranà

 

 


Articolo

Fotolia_28157195_xs 
Guaranà, per cominciare meglio la giornata

Per chi si alza già stanco o si affatica facilmente e per chi si sente “giù”, ecco un aiuto naturale di prim’ordine.

Stanchi, stressati e con una fiacca addosso che ogni mattina rende sempre più difficile iniziare le normali attività con il dovuto slancio?

Si potrebbe dare la colpa alla primavera, che come tutti gli anni si affaccia portando con sé, oltre alle lunghe giornate tiepide, la stanchezza cronica da cambio di stagione.

Che sia effettivamente questa la ragione o che, in realtà, si sia soltanto tirata un po’ troppo la corda esaurendo le energie, meglio correre ai ripari perché le vacanze estive sono ancora lontane, e lavoro (o studio) incalzano.

L’energia giusta dalla natura

Quando abbiamo bisogno di una sferzata in più la natura ci viene incontro con alcune piante psicostimolanti.

Tra queste un posto d’onore va alla Paullinia cupana, meglio conosciuta con il nome di guaranà, che vanta numerose attività in grado di migliorare le performance fisiche e mentali.

Pianta rampicante che cresce spontanea nella foresta amazzonica, contiene elevate quantità di caffeina e di guaranina (analogo della caffeina), sostanze dalle note proprietà stimolanti.

Vigore allo stato puro

I nativi dell’Amazzonia considerano da sempre il guaranà un “elisir di lunga vita” in grado di aumentare forza fisica e resistenza. I suoi effetti tonico-stimolanti si manifestano immediatamente.

Stimolando il rilascio di neurotrasmettitori come adrenalina e noradrenalina attiva il metabolismo corporeo e l’ossigenazione del sangue attraverso un aumento della frequenza cardiaca, della pressione arteriosa e del respiro.

Il guaranà riduce in modo efficace il senso di fatica, rappresentando un ottimo aiuto anche nei casi di affaticamento mentale.

Da solo o associato a vitamine

Si può trovare in sciroppo, polvere, capsule o compresse, ed entra anche nella composizione di molti “energy drink”. Meglio però affidarsi a prodotti che riportino sull’etichetta la titolazione dei principi attivi.

E per quanti, come gli studenti, hanno necessità di mantenere una buona concentrazione per molte ore, il guaranà può essere assunto in associazione a vitamine e minerali utili per di rifornire l’organismo di energia.

Come, per esempio, le vitamine del gruppo B, coinvolte nei processi metabolici che trasformano gli alimenti in energia e note per le loro attività sulle performance mentali.

Con moderazione e buon senso

Le dosi di assunzione variano da prodotto a prodotto, in ogni caso è opportuno non consumare dosi elevate o senza interruzioni per lunghi periodi perché potrebbero causare un aumento della pressione, palpitazioni e mal di testa, ma anche irritabilità, tachicardia e, in alcuni casi, nausea, mal di stomaco e vomito.

Si consiglia di non assumere il guaranà la sera poiché potrebbe indurre sovreccitazione e insonnia.

Non è indicato in chi soffre di ipertiroidismo, aritmie cardiache e cardiopatie in genere, ipertensione, ulcera peptica, sindromi ansiose, gravidanza e al di sotto dei 12 anni d’età.

Nel dubbio, chiedi al medico

Vista l’elevata attività degli estratti di guaranà e dato che anche le sostanze naturali possono interagire con i farmaci, qualora si assumano altre terapie meglio chiedere il parere al medico o al farmacista di fiducia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

immagine
twitter_2_